Fototeca Cum
 
 
Titolo: Città
Autore: Amedeo Cristino - Vedi tutte le sue foto
Data scatto: 15-03-2014 17:06:58
Data pubblicazione: 12-08-2014 11:39:11
Numero visite: 260
   
Descrizione:
La foto mostra un uomo che suone il violino sul ponte di Castelvecchio originariamente chiamato Castello di San Martino in Aquaro. E' un castello di Verona attualmente adibito a ospitare il museo civico, è il più importante monumento militare della signoria Scaligera. Inizialmente il castello prese il nome di San Martino in Aquaro, derivato dalla preesistente chiesa racchiusa nella Corte d'Armi, la cui esistenza risaliva all'VIII secolo. Il toponimo può essere ricondotto sia alla vicinanza dell'Adigetto (acquario o canale), sia alla vicinanza di un ponte (quaro), che avrebbe superato lo stesso canale, o l'Adige. Prese il nome di Castel Vecchio solo dopo la costruzione dei castelli San Felice e San Pietro. Il nuovo castello si trovava tra la testata della cinta a destra d'Adige, presso la Catena Superiore, e la testata della cinta a sinistra d'Adige, presso la Porta San Giorgio. L'essenza funzionale e architettonica della sua posizione è quella di costituire un elemento della difesa urbana inscindibile dal fiume, e nello stesso tempo predisposto a proiettare la sua azione oltre il fiume stesso. Il ponte, a uso esclusivo del castello, serviva come via di fuga o di accesso per gli aiuti provenienti dalla Valle dell'Adige, evitando così che il fiume diventasse una barriera insuperabile. Ma all'interno del complesso sistema difensivo urbano poteva servire per organizzare sortite in modo da operare tatticamente sulle opposte rive fluviali. Il castello è stato pensato come fulcro dell'intero sistema difensivo, e la sua torre maestra come centro del controllo visuale della città, a sinistra e a destra d'Adige, e del paesaggio circostante. La vicenda costruttiva del castello è complessa e prolungata nel tempo: la complessità deriva, in generale, dall'importanza della sua posizione nell'organismo urbano, e in particolare dal suo stretto legame, morfologico e funzionale, con la cinta urbana eretta in epoca comunale lungo l'Adigetto. La complessa disposizione planimetrica del castello è inoltre generata da più fasi costruttive, dalle trasformazioni e dai restauri succedutisi nel tempo. Oggi si distinguono tre parti, la cosiddetta Corte della Reggia scaligera, a meridione, la Corte d'Armi, a settentrione, separate dalla Corte del Mastio, oggi assai trasformata, su più livelli altimetrici, dopo la rettifica tardo ottocentesca del profilo della rampa di accesso al ponte fortificato. Oggi il museo di Castelvecchio è uno dei più importanti musei della città di Verona, venne restaurato e allestito con criteri moderni tra il 1958 e il 1974 da Carlo Scarpa, di cui divenne uno degli interventi più completi e meglio conservati. Esso si distribuisce in circa trenta sale ed in relativi settori: scultura, pittura italiana e straniera, armi antiche, ceramiche, oreficerie, miniature e le antiche campane cittadine. Marzo 2014
 
 
Tags:
b/n, bianco e nero, bianco&nero, architettura , artista di strada, suonare, musicista, musica, strumento musicale, carità
 
 
Posizione geografica:
Europa - Italia - Verona | Vedi tutte le foto di questa località
 

Versioni disponibili:

PRESS Formato: JPG 300 DPI 33 x 22 cm 3936 x 2624 px 3.28 Mb Richiedi foto PRESS
WEB Formato: JPG 72 DPI 32 x 21 cm 900 x 600 px 99 Kb Richiedi foto WEB
 
 
Fondazione CUM
 
Copyright 2020 Fondazione Cum. Tutti i diritti sono riservati. | C.F. 93108110235 Realizzato da: